Navigazione
Tu sei qui: Home / Notizie / Autorità Portuale della Spezia. Si avvia alla conclusione la prima fase del progetto di ricollocazione degli impianti interni alla diga foranea del Golfo della Spezia.

Autorità Portuale della Spezia. Si avvia alla conclusione la prima fase del progetto di ricollocazione degli impianti interni alla diga foranea del Golfo della Spezia.

L’Università di Pisa presenta i primi risultati della ricerca sullo studio delle correnti.

Si avvia alla fase conclusiva il progetto di ricollocazione degli impianti di mitilicoltura interni alla diga foranea del Golfo della Spezia, avviato dall’Autorità Portuale della Spezia che ha commissionato al Dipartimento di Ingegneria Civile Idraulica dell’università di Pisa lo studio relativo all’analisi delle caratteristiche idrodinamiche, di salinità e di temperature delle acque all’interno della diga foranea.

A questo proposito si è svolto in questi giorni presso la sede dell’Autorità Portuale un incontro, che fa seguito ad altri tenutisi nei mesi scorsi, con i rappresentanti delle associazioni dei miticoltori e il professor Stefano Pagliara dell’Università di Pisa che ha illustrato i primi risultati della ricerca e richiesto ulteriori indicazioni agli interessati per poi avviare le fasi conclusive dello studio.

“L’AP - ha dichiarato il presidente dell’AP Lorenzo Forcieri - ha avviato da tempo un piano per la ricollocazione dei vivai che prevede una serie di verifiche al fine di salvaguardare la qualità del prodotto ed assicurare la continuità e lo sviluppo della mitilicoltura spezzina, studiando soluzioni condivise che garantiscano da una parte un importante settore produttivo, dall’altro i diritti dei diportisti che privilegiano la zona della diga foranea”.

L’analisi è finalizzata a quantificare, in termini comparativi, le differenze nel regime idrodinamico tra l’attuale posizione dei vivai e la nuova posizione proposta, elaborata dall’Autorità Portuale secondo le indicazioni delle associazioni dei mitilicoltori e sulla base dei precedenti studi effettuati sullo stato della mitilicoltura spezzina e il suo sviluppo.

La Spezia, 15 giugno 2010