Navigazione
Tu sei qui: Home / Notizie / In Iraq un porto da 5 miliardi di euro. L’Autorità Portuale della Spezia coordina il progetto di formazione del personale dirigente.

In Iraq un porto da 5 miliardi di euro. L’Autorità Portuale della Spezia coordina il progetto di formazione del personale dirigente.

Oggi in AP i primi 20 iracheni partecipanti. Il Presidente Forcieri: “Siamo orgogliosi di esportare il nostro know how “

Il grande porto di Al Faw sorgerà nella provincia di Bassora, lungo il Khar Abd Allah, in un'area non lontana dalla foce dei fiumi Tigri ed Eufrate. L’opera vale oltre 5 miliardi di euro. Il progetto prevede oltre 10 chilometri di banchine, aree di stoccaggio merci e silos per grano per 4,6 milioni mq., un milione di metri quadri di strade, ferrovie e servizi. Sarà una delle più grandi, se non la più grande, infrastruttura portuale del Medio Oriente. Il volume di traffico container che si prevede al massimo del suo sviluppo è pari a 7 MTEU/anno, circa 20.000 container al giorno. Il contratto per la realizzazione del progetto è stato siglato nel 2010 con il Ministro dei Trasporti e il Ministro della Pianificazione e della Cooperazione allo Sviluppo iracheni da un consorzio cui fanno parte Impregilo, Fincosit, Todini, Moratti, Condotte, Technital, Progetto Europa, Sima, Rsg Progetti. Valore del contratto: 47 milioni di euro.

Oltre agli interventi di tipo infrastrutturale si è reso necessario un piano di preparazione del personale che sarà preposto alla gestione del Porto. Ideatore del progetto formativo, finanziato dal Ministero degli Affari Esteri in stretta collaborazione col Governo iracheno,  è l’Ammiraglio Dino Nascetti, presidente di Promostudi. Capofila è l’Autorità Portuale della Spezia che si occuperà di supervisionare e coordinare il lavoro svolto dai soggetti coinvolti nella realizzazione (Scuola Nazionale Trasporti e Logistica e Cisita formazione superiore che cureranno gli aspetti più specificamente relativi alla formazione dei livelli manageriali del nuovo Porto e l’Università degli Studi – Roma Tre - Dipartimento di Scienze dell’Ingegneria Civile per gli aspetti più specificamente relativi alla formazione dei tecnici progettisti che opereranno nello stesso ambito).

Oggi in AP erano presenti, oltre ai primi 20 professionisti iracheni selezionati, il Presidente dell’Autorità Portuale della Spezia, Lorenzo Forcieri; l’ideatore del progetto, l’Ammiraglio Dino Nascetti, Presidente di Promostudi; il vicesindaco di Lerici, Gaetano Saia; il Presidente della Scuola Nazionale Trasporti, Pier Gino Scardigli, il Presidente del Cisita Giorgio Bucchioni.

“Siamo molto felici di coordinare un progetto che valorizza il know how del nostro territorio e contribuisce allo sviluppo del tessuto economico e sociale dell’Iraq - ha detto Forcieri -. Penso che formare persone sia importante quanto realizzare infrastrutture e oggi siamo orgogliosi di contribuire al processo formativo dei quadri dirigenti della giovane nazione irachena. Sono certo che anche questo progetto contribuirà a rafforzare la collaborazione civile e i rapporti di amicizia con l’Iraq e mi auguro che anche da ciò possano svilupparsi altre forme di cooperazione economica, nell’interesse dei due paesi”.

I 20 iracheni risiederanno alla Spezia, a Lerici; frequenteranno le lezioni che si svolgeranno presso la Scuola Nazionale Trasporti e che saranno tenute, tra gli altri, da docenti del Politecnico di Torino, delle Università degli Studi di Genova, Cagliari, Pisa, da consulenti del Gruppo ENI e FS, da dirigenti dell’Autorità Portuale, da esperti di shipping, ecc. Forniranno testimonianze i principali operatori portuali locali. La formazione dei partecipanti durerà 7 mesi, compresa un’attività di Project Work in Iraq.

A gennaio arriverà in Italia l’altro gruppo di 20 iracheni che parteciperanno al Sottoprogetto 2, relativo alla formazione tecnica, che durerà 5 mesi più uno di tirocinio diviso in 4 cantieri di ingegneria civile italiani. Questo gruppo si fermerà a Roma e frequenterà le lezioni presso Università Roma Tre.

Per la realizzazione del progetto l’ente esecutore opererà in stretta collaborazione con il Gabinetto del Primo Ministro iracheno e con il Ministero degli Affari Esteri iracheno.

 

La Spezia, 3 novembre 2011