Navigazione
Tu sei qui: Home / Notizie / L’Autorità Portuale ospita Soldini e lo scafo supertecnologico VOR 70.

L’Autorità Portuale ospita Soldini e lo scafo supertecnologico VOR 70.

Nello specchio di poppa la scritta “PORT of LA SPEZIA”. Forcieri è impegnato con Soldini per creare una Scuola di Vela Oceanica.


Uscirà probabilmente oggi per la prima prova in mare il VOR 70 Maserati, lo scafo super tecnologico di oltre 20 metri in possesso di tutte le caratteristiche per diventare il monoscafo più veloce del mondo. La barca, con cui lo skipper Giovanni Soldini e il suo  equipaggio di nove persone cercherà di conquistare tre importanti record in Nord Atlantico, si trova dalla scorsa settimana alla Spezia dove, grazie all’ospitalità concessa dall’Autorità Portuale e la disponibilità di  LSCT e Speter, rimarrà fino a gennaio 2012, quando partirà per la prima regata da Cadice a San Salvador (Bahamas).Seguiranno poi Miami-New York e New York-Cape Lizard (UK).
“Siamo onorati di sostenere con i mezzi a nostra disposizione un grande skipper come Soldini. Giovanni aveva necessità di ottenere sia uno spazio acqueo, sia uno spazio a terra per potere lavorare tranquillamente alla messa a punto dello scafo, dopo il refitting realizzato in capannone di un cantiere locale. Dopo vari sopralluoghi abbiamo individuato con lui un’area del Circolo Velico, che ringrazio così come i terminalisti per la collaborazione fornita, e l’abbiamo velocemente adattata allo scopo”, ha detto Lorenzo Forcieri, presidente dell’AP della Spezia, che sta anche lavorando assieme allo skipper e alla Federazione Nazionale Vela per realizzare nella città ligure una Scuola di Vela Oceanica.
“Ringrazio l’Autorità Portuale della Spezia per l’ospitalità. Questa città, con la sua vocazione marinara e industriale, con le sue professionalità, è ideale per preparare navi da corsa”, ha detto Giovanni Soldini.
Il VOR 70, che da oggi sullo specchio di poppa porta la scritta “Port of La Spezia”, ha partecipato al giro del mondo in equipaggio 2008-2009. Possiede un l'albero in carbonio di oltre 30 metri, la chiglia basculante,  serbatoi di zavorra mobili,  derive di prua mobili, linee d’acqua tiratissime e strutture in materiali compositi. La sfida mondiale nel Nord Atlantico è supportata da Maserati, da BSI (Gruppo Generali) e dalle stesse Generali in qualità di co-sponsor.