Navigazione
Tu sei qui: Home / Notizie / La logistica portuale ligure ed il mercato tedesco oggi a Stoccarda. Il Baden-Württemberg vuole utilizzare i porti di Genova, Savona e La Spezia.

La logistica portuale ligure ed il mercato tedesco oggi a Stoccarda. Il Baden-Württemberg vuole utilizzare i porti di Genova, Savona e La Spezia.

Il vice ministro all’Economia tedesco: “Le nostre esportazioni aumenteranno del 70%. Abbiamo bisogno di efficienza e vogliamo essere i vostri partners commerciali. I vantaggi sono evidenti”. Forcieri: “La volontà di collaborare con i porti liguri è concreta. Ora bisogna creare sinergie per sviluppare le infrastrutture ed abbattere i costi”.

I porti liguri si sono presentati oggi a Stoccarda, nella sala dell’Haus der Wirtschaft,  ai maggiori operatori del Baden-Württemberg, cuore economico della Germania, uno dei 16 stati federati, terzo per contributo al prodotto interno lordo, insieme a Lombardia, Catalogna e Rhône-Alpes uno dei cosiddetti "quattro motori dell'Europa". I porti Liguri erano rappresentati dal Presidente di Ligurian Ports e dell’Autorità portuale della Spezia, Lorenzo Forcieri; dal Presidente dell’Autorità portuale di Savona, Cristoforo Canavese e  da Pietro Dante Oddone, dirigente del Servizio Promozione e marketing dell’Autorità portuale di Genova.

Sia Richard Drautz, vice ministro dell’Economia dello stato tedesco, sia Holger Bach, rappresentante di KLOK l’associazione di cooperazione logistica che funge da collegamento tra le istituzioni e gli operatori del settore della logistica per sviluppare  progetti relativi allo sviluppo del trasporto intermodale, hanno confermato gli intenti già manifestati durante la visita della delegazione tedesca ai porti liguri, avvenuta nel novembre scorso. Gli operatori della logistica e rappresentanti istituzionali provenienti dal Baden-Württemberg, guidata da Alessandro Marino, Segretario Generale della Camera di Commercio di Monaco di Baviera, intervenuto anche oggi al convegno di Stoccarda, avevano già apertamente dichiarato lo scopo della missione nei tre porti liguri: individuare per le loro merci porti alternativi a quelli del nord Europa, in modo da raggiungere più facilmente i mercati del Far East e del Nord Africa, risparmiando tempo, denaro e riducendo fortemente le emissioni di CO2.
Posizione oggi rafforzata dall’intervento del rappresentante del governo che ha sottolineato come i tedeschi del Baden-Württemberg abbiano individuato nei porti liguri  l’efficienza e le infrastrutture necessarie per veicolare le loro esportazioni, per le quali è previsto un aumento del 70%. “Vogliamo ampliare le vie di trasporto verso il sud. Metà dei nostri prodotti industriali vanno all’estero e quindi abbiamo bisogno di vie efficienti. Oggi usiamo soprattutto i porti del Nord Europa, con l’aumento delle esportazioni abbiamo bisogno di altre infrastrutture: strade, binari e fiumi non si possono aumentare all’infinito, quindi è necessario e strategico potenziare la logistica. Cerchiamo un dialogo con i porti liguri, che sappiamo essere di alta qualità. Anzi, ci chiediamo perché non lo abbiamo fatto prima. I vantaggi sono evidenti, sia dal punto di vista dei costi, sia da quello della diminuzione dell’inquinamento. Insomma, scopriamo nuove strade, come fece Colombo, non a caso ligure”.
Forcieri, Presidente Ligurian Ports: “Oggi abbiamo capito che la volontà del Baden-Württemberg di privilegiare i porti liguri è concreta. Lo dimostrano l’interesse degli ottanta intervenuti e le dichiarazioni del vice ministro tedesco. Non vogliamo costituire un’alternativa ai porti del Nord Europa, ma offrire una vantaggiosa opportunità. I porti liguri sono tra i più competitivi porti sia del Mediterraneo, che del Nord Europa. Abbiamo dato avvio ad un work in progress. Ora bisogna creare sinergie per sviluppare le infrastrutture ed abbattere i costi”.
Cristoforo Canavese, Presidente AP Savona: “La nostra idea di sistema ferroviario porto-retroporti è stata molto apprezzata e condivisa e questo ci porta a puntare ulteriormente su questo settore, fondamentale per lo sviluppo del nostro porto e dei suoi traffici. Noi abbiamo scelto di fare alcune cose in autonomia e di sfruttare le due linee di valico, quella di San Giuseppe di Cairo e quella verso Cuneo non modernissime ma sufficienti a garantire il veloce inoltro delle merci verso i retroporti”.
Oddone, AP Genova: queste iniziative sono assolutamente importanti e vanno nella direzione che da sempre perseguiamo: quella di recuperare quote di mercato in regioni che vanno oltre il Nord Italia. Naturalmente le Autorità Portuali auspicherebbero da parte degli operatori italiani locali un maggiore proattività”.
Tra i partecipanti al convegno anche Fabio Consolo di Trenitalia Cargo ed Erasmo Simoncelli, del gruppo HUPAC di Basilea.

Stoccarda, 23 marzo 2011