Navigazione
Tu sei qui: Home / Notizie / Parte la gara per il progetto AP NET: tutte le procedure portuali saranno informatizzate, facilitate le comunicazioni e l’erogazione dei servizi.

Parte la gara per il progetto AP NET: tutte le procedure portuali saranno informatizzate, facilitate le comunicazioni e l’erogazione dei servizi.

Forcieri: “L’obiettivo di AP NET è quello di fornire un ulteriore fattore di competitività al Porto della Spezia”


L’Autorità Portuale lancia una nuova sfida e fornisce una risposta concreta agli  operatori e agli enti che operano nel porto, facilitando le comunicazioni e l’erogazione di servizi. E’ stato infatti pubblicato, dopo l’approvazione all’unanimità del Comitato Portuale, il bando di gara per AP NET, la nuova piattaforma ICT per il sistema portuale locale. 

“Abbiamo in questo modo rispettato gli impegni che ci eravamo assunti in occasione della vertenza dell’autotrasporto, procedendo alla realizzazione di un progetto finalizzato non solo alla soluzione delle problematiche oggetto della vertenza, ma in grado di fornire risposte concrete ed innovative all’intero comparto. Il progetto intende avviare un processo evolutivo di informatizzazione delle procedure, con particolare riguardo a quelle doganali e di intercomunicabilità tra tutte le componenti, istituzionali e private, coinvolte nel ciclo della gestione merci. L’obiettivo di AP NET è quello di fornire un ulteriore fattore di competitività al Porto della Spezia”, dice il presidente dell’AP, Lorenzo Forcieri.

Il progetto è stato presentato in anteprima nel corso del Workshop “Infrastrutture immateriali per la competitività portuale” (1 marzo 2012) ed approvato all’unanimità dal Comitato portuale nella seduta del 23 marzo scorso.  

“Il progetto è incentrato sulla piattaforma ICT - Information Communication Technology interoperabile che svolgerà funzioni di interfaccia comune (single window) con piattaforme nazionali e consentirà il collegamento tra i vari operatori e gli enti. Verranno adottati anche una serie di progetti sperimentali con l'obiettivo di ridurre code, rallentamenti, tempi di sosta per il carico scarico delle merci, emissioni dannose nelle zone interne e circostanti il porto mercantile e garantire maggiore sicurezza”,”– ha dichiarato il Dott. Pozella Dirigente dell’Area Innovazione Autorità Portuale della Spezia.”.

 

La Spezia, 6 aprile 2012