Navigazione
Tu sei qui: Home / Notizie / Piacenza guarda al Sistema dei porti liguri per lo sviluppo della piattaforma logistica dell’Ovest dell’Emilia

Piacenza guarda al Sistema dei porti liguri per lo sviluppo della piattaforma logistica dell’Ovest dell’Emilia

Il sistema dei porti liguri presentato oggi presso la sede di Confindustria Piacenza da Cristoforo Canavese - Presidente Autorità Portuale di Savona e di Ligurian Ports; Luigi Merlo - Presidente Autorità Portuale di Genova e da Giovanni Lorenzo Forcieri - Presidente Autorità Portuale della Spezia.

L’incontro ha visto la partecipazione di un centinaio di rappresentati delle più importanti aziende piacentine dei settori della logistica e dell’autotrasporto oltre a quelle che si occupano dello sviluppo immobiliare di insediamenti logistici.

All’iniziativa hanno preso parte anche i rappresentanti delle Istituzioni locali e regionali (Patrizia Barbieri - Assessore Sviluppo Economico – Provincia di Piacenza; Pierangelo Carbone - Assessore Mobilità – Comune di Piacenza; Alfredo Peri - Assessore Programmazione Territoriale – Regione Emilia-Romagna) per fare il punto sulle prospettive della provincia di Piacenza quale piattaforma logistica per l’Emilia ovest.

La riflessione è di stretta attualità, nel momento in cui la Regione Emilia Romagna sta elaborando il Piano Regionale Integrato dei Trasporti (PRIT) 2010 – 2020, per ribadire la centralità di Piacenza rispetto alle principali direttive di traffico europee (Genova -Rotterdam; Palermo – Berlino; Lisbona – Kiev).

Tutti concordi, istituzioni e imprenditori piacentini, a vedere nei porti liguri importanti punti d’arrivo e di partenza per i traffici mondiali e, quindi, qualificati partner in grado di dare un valore aggiunto alla vocazione retroportuale del territorio piacentino, anche in considerazione del previsto aumento del flusso di traffico in un prossimo futuro.

Discorso che viaggia in parallelo con quello portato avanti dai tre porti liguri che, accanto ad una azione di forte presenza sui mercati internazionali, intendono con questo tipo di iniziative ribadire il concreto interesse per realtà logistiche come quella di Piacenza, nodo intermodale che per la sua posizione geografica diventa strategico per intercettare i traffici diretti al mercato nazionale del Nord Ovest.

 

Piacenza, 26 novembre 2010