Navigazione
Tu sei qui: Home / Notizie / Sicurezza nel porto della Spezia

Sicurezza nel porto della Spezia

Il presidente dell’Autorità Portuale Forcieri: “Da oggi una speciale task force vigilerà sulla sicurezza in porto"
Sicurezza nel porto della Spezia

Operazioni di carico di un contenitore

“Da oggi una speciale task force vigilerà sulla sicurezza in porto”. Lo ha dichiarato il presidente dell’Autorità Portuale della Spezia, sen. Lorenzo  Forcieri, che comunica la formazione di una squadra cui è stato affidato il compito di effettuare quotidianamente, all’interno del porto, tutte le verifiche necessarie a valutare le misure di sicurezza  previste dalle vigenti normative sulle operazioni ed i servizi portuali: dallo stato del manto stradale alla verifica della pulizia delle aree destinate alla movimentazione delle merci; dal controllo dei permessi di accesso in aree portuali alla verifica del funzionamento dei dispositivi elettronici; dalla verifica delle autorizzazioni uso fiamma/sabbiatura/pitturazione alla verifica della pulizia e manutenzione delle banchine con relativi arredi e mezzi di sollevamento; dalle modalità con cui vengono effettuate le varie operazioni portuali alla individuazione di eventuali, possibili situazioni di pericolo, ecc.

 

L’Autorità Portuale della Spezia interviene così con decisione nel settore sicurezza, anche a seguito dei recenti infortuni accorsi all’interno del porto commerciale.

La squadra, coordinata dal responsabile dell’Ufficio Direzione Lavori e Sicurezza dell’AP, ing. Fabrizio Simonelli, rafforzerà così la consueta attività di controllo compiendo verifiche a tappeto e redigendo ogni giorno una relazione sullo stato delle cose. La squadra avrà a disposizione 20 giorni per redigere un rapporto dettagliato sulla situazione complessiva riscontrata.

Tale decisione fa seguito all’importante atto con il quale dieci giorni fa, è stato chiuso l’iter che ha portato all’adozione, da parte di tutte le imprese operanti nel porto della Spezia, del protocollo applicativo sulla sicurezza, dando piena attuazione ai precedenti protocolli siglati in campo nazionale e locale. Tale accordo prevede anche che il rilascio o il rinnovo delle autorizzazioni per lo svolgimento di attività portuali sia subordinato all’adesione ed al rispetto del protocollo sottoscritto.