Navigazione
Tu sei qui: Home / Notizie / Spedizionieri, agenti marittimi, doganalisti: sabato assemblea pubblica all'Auditorium del Porto

Spedizionieri, agenti marittimi, doganalisti: sabato assemblea pubblica all'Auditorium del Porto

Sabato 18 ottobre si svolgerà, presso l'auditorium del Porto alle ore 9.30, l'Assemblea pubblica delle Associazioni di Spedizionieri, Agenti Marittimi e Doganalisti del Porto della Spezia. Una realtà produttiva che rappresenta oltre 500 posti di lavoro diretti e costituisce il vero e proprio motore "software" del porto di la spezia.
Si tratta di un evento che non ha precedenti nella nostra città e che mira ad accendere i riflettori sul ruolo fondamentale delle aziende di servizi nello sviluppo dell'economia portuale, in stretta integrazione con le altre componenti, pubbliche e private, del sistema "Porto di La Spezia". Sarà la giusta occasione per confrontarsi circa il futuro del settore, del porto e del territorio, anche alla luce delle novità normative, sia in materia di riforma portuale che doganale, e delle potenzialità connesse all'attuazione del Piano Regolatore Portuale e allo sviluppo dell'Interporto di Santo Stefano Magra.

Interveranno, dopo un saluto di Bruno Pisano di Fedespedi, i presidenti delle Associazioni Alessandro Laghezza, Andrea Fontana e Flavio Borra, l'AD di La Spezia Container Terminal Michele Giromini ed altri importanti player del sistema portuale spezzino. Seguirà una tavola rotonda, moderata dal presidente di Confindustria Giorgio Bucchioni, sul ruolo di indirizzo e governance delle istituzioni pubbliche. Saranno presenti il Sindaco di La Spezia Massimo Federici e il Presidente dell'Autorità portuale Lorenzo Forcieri, insieme ai massimi rappresentanti dei soggetti pubblici più strettamente connessi con lo scalo spezzino.

Non mancheranno quindi interessanti spunti circa il modello di porto del prossimo futuro ed il ruolo degli spedizionieri e degli agenti marittimi spezzini all'interno dello stesso. Hanno assicurato la loro presenza anche i rappresentanti sindacali ed alcuni parlamentari ed esponenti politici locali, certamente interessati ad un settore centrale per l'economia e l'occupazione nella nostra città.